Villa Oppi, l’eccellenza italiana del vino

image_pdfimage_print

Villa Oppi, la classe senza tempo, il lusso che nasce dalla qualità, oltre l’eleganza del pensiero di Tonino Lamborghini. Una felice progettualità che ridefinisce la creatività e la passione, riservando agli appassionati e agli intenditori una nuova cultura del bere.
di Antonella Iozzo

Villa-OppiAlseno (PC) – Wine & top quality. Villa Oppi e Gruppo Tonino Lamborghini Spa, insieme nella crescita dell’eccellenza enologica italiana. Wine, espressione e capacità di guardare oltre, interagendo con il gusto e con i ritmi del mercato internazionale. Sono queste le coordinate di un progetto che è insieme innovazione, dinamismo economico, coesione produttiva.
15 Aziende compongono il corollario di Villa Oppi, 15 aziende coese e competitive per racconti in bottiglia dal mondo del vino. Massima qualità, massima espressione territoriale, declinati nel gesto esclusivo del produttore, hanno generato realtà solide e protese verso l’innovazione e l’internazionalizzazione. Habitat naturale per il piglio dinamico e progettuale di Villa Oppi, che non solo comunica tradizioni culturali diverse nella forma del vino, ma trasmette l’identità di un mondo che si evolve, si raffina e si rinnova, pur rimanendo fedele a sé stesso. Sguardo alle origini, quindi, ma proiettato verso il futuro in cui la tendenza del gusto e del marketing e il valore del gesto s’incontrano sotto il cielo delle emozioni.
Idee che prendono forma dimostrando di essere, nelle persone di Giuseppe Agazzi Fondatore e Wine maker, Stefano Agazzi Presidente e Wines expert ed Emanuela Cabrini Responsabile amministrativo, il simbolo della crescita, il concept del Made in Italy, punto d’incontro tra qualità e passione.

Villa Oppi, quando la storia ci trasporta nel domani
Villa-Oppi-calice-byluongoVilla Oppi, quando la storia ci trasporta nel domani attraverso il valore della tradizione e la forza di un passato che trasuda il senso dell’origine e la cultura del luogo. Parabola distesa tra i colli piacentini, meraviglioso paesaggio nella forma di una suite con la sua pianura che avanza nelle pennellate morbide e calde del tepore autunnale, con la collina e con la montagna che guidano l’occhio verso le zone appenniniche più conosciute e verso le prelibatezze enogastronomiche tipiche. Tra Lombardia ed Emilia nelle province di Piacenza e Parma, le quattro vallate piacentine: Val Tidone, Val Trebbia, Val Nure e Val d’Arda. Dipinto che trasuda il sapore e l’odore del tempo e ci rimanda alla cultura del vino. Antica presenza risalente tra il 2000 e il 700 a.C, come testimoniato dalle tracce di vinaccioli e radici di viti fossili rinvenute in zona. Ed è proprio qui, lungo la strada dell’Emilia che troviamo Villa Oppi, conosciuta anche con il nome di Castello degli Oppi, residenza estiva di Maria Luigia d’Austria, seconda moglie di Napoleone Bonaparte, durante la dominazione francese del nord Italia e Duchessa per le province di Parma, Piacenza e Guastalla nel 1820 circa.

Villa-Oppi-Agazzi-Cabrini-byluongoAncora oggi mantiene intatto il fascino della storia ed è come se attraversando il viale che ci conduce alla Villa, entrassimo tra le anse dei secoli e scoprissimo il sussurro di una vita così lontana da noi, eppure così sottilmente vicina al sentimento culturale che accompagna da sempre il vino. Villa Oppi, non fu sempre residenza aristocratica ma proprio per la sua posizione è stata la sosta, o meglio la Posta, per i numerosi viandanti dell’epoca. Storia e storie s’intrecciano in vicende e faccende che fra queste mura trovavano riposo, ristoro all’ombra di allegri calici e calde minestre. La più maestosa testimonianza di ciò è l’enorme camino in quella che oggi è sala di rappresentanza di Villa Oppi. Trofei di caccia, arredo d’epoca, lampadari sospesi nella notte dei tempi, disegnano quasi una scenografica teatralità operistica per il fluente richiamo del nettare di Bacco. Loquace espressione di convivialità, da importante fonte di nutrimento d’un tempo, a complemento culturale dell’alimentazione compatibile con un sano stile di vita.

Villa Oppi oltre la classe, il lusso
Villa-Oppi-Vigneti-byluongoVilla Oppi, la classe senza tempo, il lusso che nasce dalla qualità, oltre l’eleganza del pensiero di Tonino Lamborghini. Partner perfetto per una sinfonia italiana che esprime l’essenza più viva e autentica del prestigio italiano, sviluppandolo in un’ armonica partitura. Crescita sotto il segno dell’alta qualità italiana per essere artefici oggi e protagonisti domani, grazie a gesti di uomini che coniugano l’esperienza alla conoscenza, la tradizione all’innovazione, la creatività alla tecnica. Nascono i vini a marchio “Sangue di Miura” e “Palazzo del Vignola” by Tonino Lamborghini massima estensione sonora del vino in sorsi di nobiltà e carattere.
Tonino Lamborghini, sensibile interprete della migliore eccellenza italiana ha lanciato sul mercato mondiale la naturale eleganza dello stile puro, in prodotti e accessori che esprimono l’italian style and luxuri essence. Villa-Oppi-Vigneti1-byluongoNaturalmente da questo contesto non poteva essere escluso il simbolo dell’Italia che produce il Vino. Nasce una collezione di Vini di alta qualità tra tradizione e modernità, un inno al vino italiano, per vivere il lato più sublime della vita. Una felice progettualità nella sintesi della bellezza che ridefinisce la creatività e la passione, riservando agli appassionati e agli intenditori una nuova cultura del bere.
I Vini a marchio Sangue di Miura e Palazzo del Vignola by Tonino Lamborghini, esprimono il fascino discreto di un lusso interiore, quello che veicola la ragion d’essere vino tra le mani di chi coltiva e di chi lo pone sul palcoscenico del mondo. Dalla vigna al calice un magnificat che valorizza questo immenso patrimonio attraverso nuove dimensioni. Arte chiama arte e ogni bottiglia veste, anzi diviene opera d’arte, unica, con etichette in ceramica naturale in rosso, lavorate a mano. Rosso come un velluto sonoro che srotola la sua elegia, come un notturno che cede il passo alla veemenza, come una lucida passione plasmata in lirica scultorea.

Villa-Oppi-Appassimento-byluongoScrupolosa cura per i dettagli e vini italiani di pregio in un crescendo che porta il nome di Superitaly con un look di grande suggestione etichette in ceramica naturale color metallo e collarino in raso con ceralacca riportante i marchi ed i simboli aziendali.
“Sangue di Miura” e “Palazzo del Vignola” by Tonino Lamborghini, impareggiabile interprete del Made in Italy.
Gocce di Bacco come Vigna delle Rose (Brachet) Sangue di Miura. Brachetto Secco in riflessi rosso rubino che catturano la vista. Morbido, avvolgente, intenso ci trasporta in una sorta di vivacità danzante e godimento sensoriale di bellezza e pace interiore. Frutta rossa e raffinata fragranza, suggellano una preziosità più unica che rara che conquisterà il partner internazionale.
Villa Oppi e Tonino Lamborghini, confluenze d’idee in movimento, interazioni di eccellenza, straordinaria performance del Vino italiano.

Step verso un orizzonte senza confini
Villa-Oppi-Etichette-byluongoVilla Oppi, vive il suo tempo in ogni epoca, cadenzandone le sfumature, orchestrandone gli influssi, solo così la terra diviene testimone della società che flette e muta le sue pulsioni culturali come nel periodo di Maria Luigia d’Austria, durante il quale vengono impiantati sia vitigni italiani che francesi, ad oggi , ovvero logica conseguenza: nazionale si nasce internazionali si diventa, ieri come oggi anche nella produzione del vino. Un passato che si presenta nella veste della prima etichetta di vino “Pallido” una miscela di bianco e rosso che diede origine al suo nome.
Un percorso già segnato, quello di Villa Oppi, iniziando con la produzione e proseguendo con il marketing. La sua quasi una mission in nome del Made in Italy, un Made in Italy che veicola la voce del territorio, i gesti unici dei produttori e la loro filosofia caratterizzante il Paese Italia. Un percorso che accompagna le Aziende rigorosamente selezionate, piccole, spesso a conduzione familiare, verso quello che sarà il loro prossimo step verso un orizzonte senza confini.
Villa Oppi, riunisce quindici aziende vitivinicole italiane, che mostrano segni di straordinaria vitalità e competenza dai Colli Piacentini alle Langhe, dal Montepulciano d’Abbruno al Chianti, dai Rossi veneti, siciliani e pugliesi ai bianchi dell’Alto Adige, fino agli spumanti e al prosecco e naturalmente ai passiti come il Fior di Rosa Villa Oppi 2011, Medaglia d’Oro al Concours Mondial de Bruxelles 2013. Passione che rinasce evoluzione e viceversa.

Villa-Oppi-notturna-byluongoAntichi saperi e nuove emozioni per battiti che rilasciano tutta l’autenticità e il credo di Giuseppe Agazzi. Artigiano del vino che dipana con poesia l’arte del tempo di una tecnica antichissima e ogni calice è un sunto di elegantissima suadenza. Nella potenzialità dei Colli Piacentini e dei miglior terroir italiani e dei loro vitigni la valorizzazione di questa ricchezza sconfinata, ovvero l’obiettivo di Villa Oppi. Eccellente vetrina delle magnifiche creazioni vinicole, che possono traghettare l’economia grazie alla fertile alleanza tra la sapienza locale e la lungimiranza imprenditoriale di Villa Oppi.
Il concetto di qualità per Villa Oppi, sposa una tecnologia al servizio della tradizione perché se è vero che il vino è cultura, sapere, territorio, origine, ogni bottiglia deve essere unica e irripetibile, come chi la produce, deve esprimere la danza della natura nella coreografia dell’uomo, deve essere vita nella musicalità che ascoltiamo ogni qualvolta versiamo il suo contenuto, attimi dilatati nel cuore e nella mente. Tutto questo si traduce in competenza, in sinergia d’intenti, in sostenibilità ambientale, in cultura che crea le basi del proprio futuro. Dal vino al vino, in mezzo la nostra intelligenza in rete con il mondo.

VILLA OPPI
Ss. Emilia 2524, Alseno,
29010 Piacenza (Italy)
Tel +39 335 5646108
http://www.villaoppi.it

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (15/10/2014)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1