Gourmet Arena, qualità fuori dagli schemi

image_pdfimage_print

Gourmet Arena un viaggio esplorativo tra le migliori espressività della grande tradizione gastronomica italiana ed internazionale che anno dopo anno conquista un numero crescente di visitatori.

di Antonella Iozzo

gourmet-arena-byernestmullerMerano (BZ) – Gourmet Arena – Merano Wine Festival 2016.  Qualità fuori dagli schemi anche per Gourmet Arena che ha ospitato oltre 100 aziende, tra artigiani del gusto Culinaria.
Birrifici, distillati, liquori e vini dei terroir rappresentati dai Consorzi di Tutela e poi “Ginissimo”, piccole rarità dello storico distillato al ginepro tutte da degustare.
Inizio in pole position con GourmetArena for professionale only”, iniziativa rivolta a professionisti e stampa del settore food. Si è data così la possibilità di scoprire piccole rarità entrando in contatto con il produttore in una situazione più soft, più calma e idonea.

Molte le prelibatezze che hanno raccontato il territorio, le tradizioni, le passioni, dal dolce al salato, ognuna unica e irripetibile. Ma ci piace soffermarci su una scoperta deliziosa i pomodori di Ciro Flagella, Castel di Sangro (AQ). Diversi per natura, supremi per passione. Pomodorini, pomodori pelati, passata di pomodoro, tutte le declinazioni del pomodoro san Marzano lavorato con metodo tradizionale ed insieme innovativo.
Il risultato è un pomodoro vivo, fresco, dolce con una punta di acidità che esalta la sua voluttà. Un pomodoro d’amare che ha fatto innamorare molti chef stellati e molti consumatori appassionati di questo elemento tipico della cucina mediterranea.

Una degustazione di pomodoro a crudo che diventa delizia in cucchiaio, nuvola sui crostini, emozione nella versione dolce della marmellata di pomodoro. Una nota preziosa e mai stucchevole che esalta le caratteristiche organolettiche del pomodoro.
Acidità e dolcezza si equilibrano, corposità e freschezza si integrano e una sensazione saten si libra al palato toccando tutti i sensi.

Molto affollate anche la postazione Merano Wine Chef’s Challenge – Cooking Farm”, con espressioni di unicità sorprendente come il Wagyu, considerata la migliore carne del mondo, grazie alla collaborazione del festival con il Ristorante Hidalgo di Merano.
Tenera e succosa, cucinata con estrema perizia dal Grill master Andrea Santagiuliana, ha affascinato i palati degli ospiti.  Tecnica e materia prima un binomio vincente per sapori che non accettano le mezze misure.

Sono molti gli chefs che si sono esibiti, entusiasmando il pubblico con interessanti focus sulla materia prima, la relazione con il territorio, la tradizione e l’innovazione per risultati sempre di altissima qualità che soddisfano i palati più esigenti.

Gourmet Arena un viaggio esplorativo tra le migliori espressività della grande tradizione gastronomica italiana ed internazionale che anno dopo anno conquista un numero crescente di visitatori sempre più conscio del valore qualitativo del cibo e di tutto ciò che ruota intorno all’affascinante mondo enogastronomico.

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (16/11/2016)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1