Dinner with magic view al Ristorante di Villa Orselina

image_pdfimage_print

Dinner with magic view a Il Ristorante di Villa Orselina, Locarno. La naturale inclinazione alla bellezza autentica di Villa Orselina incontra l’arte culinaria e il Ristornate diventa meta di suggestioni sensoriali che raccontano sapori mediterranei.

di Antonella Iozzo

 

Il-Ristorante_TerraceOrselina – Locarno (CH) – Dinner with magic view a Il Ristorante di Villa Orselina. Villa Orselina, nel piccolo villaggio di Orselina, sulle colline sopra Locarno, un sogno vestito di reale dimensione del buon vivere. Eleganza, eterno garbo, stile e una meravigliosa vista sul Lago Maggiore, qualunque sia la prospettiva.

Stupefacente sensazione, mirabile visione che diventa esperienza multisensoriale sulla Terrazza del Ristorante di Villa Orselina.
Ogni cosa sembra inspirata dalla quiete musicale e dall’anima del lago, la raffinata eleganza dei decori, incastonati nella scenografia naturale di un giardino curatissimo, le sedute nei toni del grigio in stile classico, grey anche per la tavola che esprime tutto lo charme di un lusso intimo, da vivere.

La naturale inclinazione alla bellezza autentica di Villa Orselina incontra l’arte culinaria e il Ristornate diventa meta di suggestioni sensoriali che raccontano sapori mediterranei interpretati con abilità e creativa dallo chef Ivan Cavaliere dal sous chef Pietro Cucco.

Senses dinner è un viaggio nel gusto che esalta i prodotti locali e scopre quelli internazionali rilasciando la melodia della qualità nel plus della passione. L’atmosfera al Ristorante di Villa Orselina è magica, le luci dell’aria, i colori del paesaggio circostante, il calore dell’ospitalità, distendono l’istante eterno in impalpabili vibrazioni sottopelle.

A Villa Orselina, il piacere gourmet non è solo piacere del palato, convivialità, excursus gastronomico ma assume un valore molto più ampio sconfina nel paradisiaco universo del sentiment, delle emozioni. È sussulto di poesia che dipinge il luogo e cammina nelle nostre vene.

Ristorante-di-Villa-Orselina-scampiQuante sfumature possono avere le emozioni? Innumerevoli e al Ristorante di Villa Orselina si tingono di azzurro, di turchino, di cobalto, ed infine debordano la profondità del crepuscolo, nuance che si confonde tra cielo e acqua, un dolce naufragare capace di sospingerci dentro una favola mentre la nostra iride segue quei riflessi sulla superfice acquatica che ora si distendono ora s’increscano creando giochi trasparenti tra fantasia e immaginazione.

Avvicinati con estremo tatto da un personale, discreto, scrupoloso, attento alle più piccole esigenze di ciascun ospite, scopriamo la freschezza di un Merlot vinificato in bianco, Brivio, Contrada, 2015, piacevolissimo, morbido e fruttato. Nel calice stilla il soave nettare come un’ode al Ticino e culmina nella piccola amuse buche, burrata con spuma di cetriolo, semplicemente lirico e intenso.

Senses dinner. Le forme del tempo si sfaldano in lapislazzuli che cesellano il mondo dei sensi mentre giunge la prima portata “Insalata tiepida con bisque di scampi e hummus di ceci”, materia prima di ottima qualità esaltata dall’abilità degli accostamenti che s’integrano perfettamente. Accordi che diventano figurativi nella presentazione molto curata, fantasia e tecnica creano una sequenza cromatica che rimanda ad un‘esplosione di sapori. Nel calice Ramolo, bianco del Ticino, dell’Azienda Gialdi. Chardonnay e Viognier sapido e dalla buona persistenza.

Senses dinner. Leggiadre estensioni di piacere scorrono lungo le direttive del gusto e la fascinazione del luogo ricade su di noi come un soft touch. E come se entrassimo in sintonia con la natura e percepissimo il pulviscolo sonoro dell’immenso. Feeling sottile che accompagna l’evoluzione del gusto “Spaghetti al pecorino romano e pepe nero accompagnato da ragù di luganega e tenere fave”. La memoria si fonde con l’estro contemporaneo, i sapori forti, decisi diventano gusto. Gli ingredienti semplici e freschi conferiscono il carattere finale e la tradizione trova nuova forma espressiva.

La classicità danza tra passato e presente e rinasce senza tempo in “Filetto di manzo con spugnole, purea di topinambur e giardinetto di verdure”, elogia di materie prime che si fonde in un sunto di consistenze diverse. La carne, si scioglie in bocca si fonde con le spugnole e la croccantezza delle verdure rilancia. Un romanzo in sol gesto da gustare in abbinamento al Merlot, Baiocco, Brivio, armonioso, rotondo, leggermente complesso, rilascia la fragranza della frutta rossa e note speziate.

Senses dinner. Velluto rosso che deborda la notte al Ristorante di Villa Orselina procurando percezioni sottili e lontane quanto vicine al nostro essere. Una magia senza fine, smussata in cortesia e professionalità dal sorriso dello staff che invita alla convivialità nella discrezione del gesto.

La danza dei sogni incontra il dessert e inscena una scenografica rappresentazione del “Classico tiramisù Villa Orselina style”. La profondità del cioccolato, l’aromaticità del caffè, la morbidezza cremosa, avvolge il palato e richiamano a se l’anima. È pura trasposizione sensoriale, è come se il desiderio incontrasse le curve morbide di una nuvola che irradia il suo pathos emozionale.

Con la piccola pasticceria la notte si tinge di blu profondo il lago sembra stendere ai nostri piedi le sonorità liquide e avvolgenti del preludio notturno, mentre piccole lampade intorno a noi, come fiammelle erranti, ci conducono in un idillio di sensi nell’incanto di Villa Orselina.

Villa Orselina
Via Santuario 10
CH-6644 Orselina-Locarno
T +41 (0) 91 735 73 73 F +41 (0) 91 735 73 74
http://www.villaorselina.ch

 

di Antonella Iozzo ©Riproduzione riservata
                  (08/09/2016)

Bluarte è su https://www.facebook.com/bluarte.rivista e su Twitter: @Bluarte1